Quei tecno-manager che toccano il cielo


Il Mondo – 9 settembre 2011 – Pagina 54 –

CARRIERE IT IMPRESE A CACCIA DI SPECIALISTI DEL CLOUD COMPUTING: RICHIESTE LIEVITATE DEL 20%

Responsabili della security in rete, information officer, esperti di web marketing…
Le aziende sedotte dal fascino dei servizi online cercano le figure professionali emergenti per internet. Ecco i profili con maggiori prospettive.

[…estratto…] “Si è attivata la ricerca di figure specializzate come gli esperti soa, esperti di data center optimisation e di service management, esperti di storage management e di application consolidation…”. Ma, rileva Giorgetti, “i profili adatti devono avere anche una buona comprensione delle logiche di business e competenze di risk management, compliance e it governante”. Figure ibride, insomma, dotate di formazione specifica ma anche esperienza sul campo. “Soft skill come l’attitudine alla comunicazione e la capacità di gestione dello stress e del conflitto, poi, possono fare la differenza”. Un mix non facile da trovare sul mercato. Tanto meno quando in gioco c’è l’inserimento executive di alto livello: “Da almeno un anno riceviamo richieste di questo tipo”, sottolinea Caterina Tortorella , partner della società di executive search  Value Search e leader della practice It/Tlc. “I profili manageriali richiesti dai nostri clienti sono molto senior, per esempio business unit manager in grado di sviluppare l’offerta cloud per il mercato italiano, posizionandola su realtà end-user di taglio enterprise e mostrando i vantaggi derivanti dalla sua adozione”. Infatti in questa fase c’è chi deve ancora decidersi a fare il salto “sulla nuvola”. E ha quindi bisogno, sostiene Tamagni, di un traghettatore, una figura che, job title a parte, può essere identificata come cloud leader: “Per i system integrator è qualcuno in grado di legare l’analisi dei processi di business alle esigenze di servizio dei propri clienti. Per le aziende è colui che diffonde internamente le competenze basate sul nuovo paradigma unendo le conoscenze tecnologiche e architetturali a quelle sui modelli e processi di business”. Nel caso di gruppi di grandi dimensioni, questa specie di Caronte viene inserito nell’organigramma, mentre in quelli piccoli, osserva Tamagni, “è più diffuso il ricorso alla consulenza”. In effetti l’avvento del cloud ha determinato anche un rafforzamento delle divisioni dedicate all’It nell’ambito delle società di consulting… […estratto…]

Chiara Brusini